Cos’è per te la felicità?

La newsletter per gli insegnanti di religione

Cari ragazzi, ci interesserebbe sapere da voi che cos’è la felicità. Se secondo voi esiste, se ci avete mai pensato, se conoscete delle persone felici e se potete dirci da cosa capite che sono felici. Vorremmo sapere il vostro sincero parere. Per iniziare questo dialogo con voi, abbiamo pensato a un percorso in cinque passi che trovate qui accanto. Vi chiediamo di vedere in classe con il vostro professore di religione un video e di parlarne con lui, rispondendo alle domande che vedete sotto. Pronti a iniziare il nostro cammino?

  1. Chi è don Alberto?

    Il video che abbiamo scelto per voi è un breve discorso di don Alberto Ravagnani, classe 1993, giovane sacerdote brianzolo molto attivo nella divulgazione della sua esperienza di fede in modalità 2.0 (su Instagram ha 138 mila follower). Dopo due anni di sacerdozio inizia, grazie al lockdown della primavera 2020, un percorso di evangelizzazione digitale che si snoda tra i diversi canali dei social network, creando così una forte connessione nel suo percorso di fede tra online e offline. È diventato famoso anche grazie alle interviste che gli ha fatto il rapper Fedez nel suo podcast “Muschio selvaggio”.

  2. La tua vita e la mia

    Don Alberto ha scritto un romanzo: “La tua vita e la mia” (Rizzoli). Il libro ci parla di Federico, che ha quasi 17 anni, vive in una bella casa a Busto Arsizio, i suoi genitori sono stimati professionisti, frequenta il Classico e trascorre il tempo libero tra l’oratorio San Filippo, le feste con gli amici e i social. L’altro personaggio fondamentale è Riccardo, che ha 18 anni, vive in una zona popolare di Busto e la scuola l’ha lasciata.Non ha mai conosciuto il padre, la mamma è ricoverata in un centro tumori, ha una sorellina di 7 anni che adora, ricambiato, e della quale deve prendersi cura. Per aiutare la famiglia con i soldi fa il rider ma, quando capisce che ancora non basta, entra in brutti giri. Niente calcio, niente PlayStation, non ha né il tempo né la testa. Non si fida di nessuno. Due così dovrebbero detestarsi, e infatti è quello che succede. Solo che poi don Andrea, il giovane parroco di San Filippo che gira in centro su un monopattino elettrico e che non disdegna Instagram per parlare al cuore dei suoi ragazzi, ci mette lo zampino. E forse non solo lui. Tra mille diffidenze reciproche, Federico e Riccardo iniziano a scrutarsi, poi si avvicinano, infine diventano amici inseparabili. Ma lo saranno per sempre?

    «È la storia che avrei voluto leggere da ragazzo» ha raccontato don Alberto in un’intervista a Varesenews. «È la storia che vorrei far leggere ai miei ragazzi. È la storia che potranno leggere anche gli adulti per riuscire a entrare nella vita dei ragazzi. Scuola, oratorio, amore, amicizia, droga, Dio. La vita, insomma, la tua e la mia».

  3. Come quando arriva la felicità!

    «Tutti cercano la felicità! Se domandi agli uomini se vogliono diventare militari, è probabile che uno ti dica di sì e l’altro no. Ma se domandi loro se vogliono essere felici, entrambi ti risponderanno subito, senza ombra di dubbio, di sì. Anzi, il motivo per cui uno vuole fare il militare, e l’altro no, è soltanto la felicità». Don Alberto inizia così il suo intervento al TedX di Barletta, tenutosi lo scorso agosto. Ma le parole non sono sue, sono di Sant’Agostino.

  4. Ma chi è felice davvero?

    Dopo aver guardato il video, prenditi del tempo e prova rispondere a queste domande

    – È possibile?
    Ti sei mai posto questa domanda? È possibile essere felici? E, se sì, come si fa?
    Sei d’accordo? Don Alberto dice che la felicità sta nelle relazioni più che nella realizzazione personale: sei d’accordo? Perché?
    E lui? Lui ti sembra felice davvero? Ci sono altri influencer, persone famose che secondo te sono veramente felici? Da cosa lo capisci?

  5. E in tutto questo, cosa c’entra l’ora di Religione?

    Prova a rispondere e poi confrontati con i tuoi compagni e le tue compagne di classe

    – È per te?
    L’ora di religione è il posto dove parlare di te, della tua felicità?
    – Cosa ti piace? Che cosa ti piace di quest’ora? Rispondi con sincerità
    – E cosa no? Che cosa cambieresti dell’ora di religione? Che cosa vorresti fare di diverso?

Scarica qui il pdf della newsletter

Zelia Pastore

Leggi anche: